Le aspettative non vanno disattese

E’ più che comprensibile che alcuni miei lettori siano arrabbiati per il mostruoso ritardo della pubblicazione del terzo romanzo (sono anni!), anche se la maggioranza di essi ha capito la situazione e me lo ha manifestato anche in forma privata. In un certo senso è una cosa positiva anche l’atteggiamento negativo perché vuol dire che il mio lavoro è stato considerato di valore e c’è tanta attesa per la conclusione della storia. Quello che voglio fare in questo post è porvi delle domande per delle riflessioni, soprattutto per chi mi ha insultato e accusato di raccontare frottole.

  1. Quanti autori indipendenti vivono di questo lavoro? Quanti riescono a mantenere una famiglia scrivendo? Se vi trovaste nella situazione di dover accantonare la periodicamente la vostra passione per il lavoro, cosa scegliereste, specie in un periodo come questo?
  2. La rete è piena di autori che si autoproducono, ma quanti riescono ad emergere dalla banalità? Quanti soprattutto si illudono o vengono illusi di essere degli scrittori veri?
  3. Sempre rimanendo nell’ambito di noi autori autoprodotti, qual’è la differenza tra chi pubblica un romanzo ogni sei mesi (e ha il coraggio di dire che la copertina è tutto!) e chi non vuole pubblicare un’opera finché non è sicuro di aver alzato l’asticella della qualità rispetto al lavoro precedente, pur avendo pochissimo tempo libero a disposizione per lavorarci?

Ho avuto il piacere di conoscere autori e autrici che essendo riusciti a pubblicare un romanzo con una casa editrice minore o locale si erano illusi di aver trovato il trampolino del successo, per poi ritrovarsi nello stesso anonimato dal quale erano partiti. Alcuni avevano un buon prodotto (migliorabile) ma la fretta li ha portati a scelte sbagliate, altri presentavano opere mediocri che tali sono restate. George Martin, e per lui è il lavoro principale, non pubblica un nuovo seguito delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco da anni e la serie tv terminerà con un finale inedito. Lo stesso autore ha detto che forse neppure questo 2017 sarà l’anno buono, perché non considera la sua opera soddisfacente per la pubblicazione.

In questa attività ci sono priorità e scelte oculate da fare, ma la cosa che io ritengo fondamentale è quella di non pubblicare qualcosa che non sia degno delle aspettative dei miei lettori, a dispetto delle lunghe attese. Se non perseguissi un tale obiettivo, questa sì sarebbe una beffa e un insulto per i miei lettori.

Eldies.

Annunci
Categorie: News | 11 commenti

Navigazione articolo

11 pensieri su “Le aspettative non vanno disattese

  1. Salvo

    Cavoli ormai siamo al ridicolo,non concorso con chi ci va pesante,ma effettivamente prendi un pó troppo in giro coloro i quali ti hanno dato fiducia e sostenuto.
    Delusione,sei uno dei tanti.

  2. Gaius

    Chiacchiere e distintivo

  3. linda berritella

    Eldies siamo a luglio. . . Quanto manca??? Pleaseee.

  4. Gaius

    Chiacchiere, solo chiacchiere…quaquaraqua…

  5. vincenzo

    Bene,ci vorrà il tempo che ci vorrà,del resto prima di internet e degli ebook aspettare anni era la normalita,buon lavoro e alla prossima.

  6. Salvo

    Caro Eldies, disapprovo gli insulti ma comprendo lo “scazzo” di alcuni di noi. Ti ricordo che a Luglio avevi detto che ad ottobre avresti pubblicato.
    Anche io sono un imprenditore e lavoro anche 16 ore al giorno, credimi, ma riesco comunque a ritagliare tempo per le mie passioni. Il tutto conciliandolo con la famiglia.
    Se a luglio eri ad un punto tale che pensavi di pubblicare ad ottobre allora dovtemmo esserci visto che siamo quasi a Marzo ?
    Forse dovevi fare i primi due meno avvincenti…..:):)
    Ciao

    • Credimi, Salvo, lo “scazzo” è anche mio perché detesto questa situazione. Purtroppo per via del lavoro sono costretto ad abbandonare questo progetto anche per settimane e poi riprendere tutto in mano è difficile. Comunque non ho nessuna intenzione di abbandonare tutto come fanno molti altri. Il sito viene regolarmente rinnovato e anche se un po’ a singhiozzo rispondo sempre a tutti. Grazie ancora della comprensione.

      • Salvo

        Figurati, ad ogni modo fai presto per favore, ormai ci hai agganciati per bene… 🙂

  7. antonio deiana

    Grazie….onore e rispetto per il tuo lavoro. Ma il disappunto nasce dal fatto che i due libri precedenti sono legati all’ultimo che dovrai pubblicare. Quindi sapere il finale è diventato virale fra i tuoi lettori. Aspetto con pazienza sapendo che farai un ottimo lavoro. Grazie Antonio

    • Ciao Antonio. Hai perfettamente ragione ma confida nel fatto che non sono sparito e non ho abbandonato il progetto come fanno altri. Ci sto sempre lavorando, anche se molto lentamente, per il tempo che mi è concesso (sono diventato un piccolo imprenditore e lavoro talvolta anche 10 ore al giorno!). Il romanzo sarà SICURAMENTE pubblicato, e non ho certo intenzione di smettere di scrivere dopo. Purtroppo il numeroso staff che ho alle spalle (io, io e ancora io) non riesce ad essere efficiente come vorrei.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: